Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Giuseppe Catalano

Altrimenti poi succede che... Vabbè questo è un noir cazzutissimo, mica possiamo partire dalla fine, non si fa. Partendo dall'inizio, e cioè da prima che iniziasse il film, dico subito che ero perplesso. Colin Farrell ha sempre la stessa faccia da cazzone qualsiasi cosa succeda, e più che da irlandese ha la faccia da fighetto di Miami, che è come il cafone di Milano Marittima ma un po' meno cafone. Inoltre pure la tipa lì, la Keira Knightley, bella è bella. Mah nsomma, un po' troppo magrolina, qualcuna direbbe. In effetti. Comunque a parte la beltà non è che spicchi più di tanto per doti artistiche. Però, ci sono altri bei però. In primis il titolo: London Boulevard. C'era il rischio che fosse una cacata francese, ma c'era anche London, ed è ambientato a Londra. Quindi già un ottimo motivo per vederlo. Poi ci sono una serie di attori minori, che minori non lo sono per un cazzo. Ma questo lo vediamo dopo.

Certo, se uno leggesse la cosiddetta sinossi, quelle tre o quattro righe che dovrebbero spiegare cosa succede nel film, uno dovrebbe starsene a casa a guardarsi una replica di Top Gear, rigorosamente in lingua originale. Infatti, la sinossi dice testualmente: "l'ex galeotto Mitchell accetta il lavoro di guardia del corpo di una celebre attrice, Charlotte. Tra i due nasce l'amore". Bella cacata. Non era bastato The Bodyguard di Kevin Costner? Ma per fortuna io st'abstract non lo avevo manco letto, e quindi ci sono andato. E meno male! Sorpresona! Unu film veramente ma veramente bello. Tratto da un romanzo hard-boil di un tale che si chiama Ken Bruen, che non conosco e quindi non posso dirne niente. Ma sembrerebbe un po' nella scia di Manchette ma senza le sue cazzo di masturbazioni politiche da sessantottino. Un po' alla Dashiell Hammett in salsa hard-beat. Un po' alla Edward Bunker, ecco. Mi riprometto di leggerne qualcosa di sto Bruen, giusto per vedere l'effetto che fa. Per vedere se è come nel film. Il cui succo finale è: se devi fare un lavoro, devi farlo fino in fondo. Non puoi farti terra bruciata attorno, sistemare tutto in maniera cinica e quando serve anche violenta, e poi risparmiare per pena un ragazzino che invece ti fa il culo. Ecco, non potevo non dirlo. Ma è proprio così. Quando uno pensa di stare a posto con tutto, di aver studiato la situazione nei minimi dettagli, ed è pronto a fare l'ultima scelta, quella che, aveva pensato, gli cambierà la vita, ecco che allora salta fuori quel dettaglio che era sembrato di poco conto e che invece ribalta tutto. Ma proprio tutto. E là sono cazzi, come dice Militello. Ma a parte quello che ho in testa adesso e che riguarda solo me, Militello e qualcun altro, il film è proprio ma proprio bello. Soprattutto per chi va a vederlo senza sapere cosa aspettarsi. Poi magari invece io lo consiglio a qualcuno in maniera troppo entusiastica e quello si fa prendere dal mio stesso entusiasmo e pensa di andare a vedere chissà che e invece rimane deluso. Può capitare, ma non è capitato manco quello. A parte i due attori principali, poi, ci sono i ruoli di signori attori, forse non dei divi, ma grandissimi interpreti. In primis Ben Chaplin, che rende alla perfezione il ruolo dell'amico fatto e imbroglione. E Ray Winstone, poliedrico e camaleontico come sempre. Che poi il ruolo più bello, come sempre, è quello del cattivo. Se non ci fossero i cattivi sta vita sarebbe un po' più serena, forse. Ma sai che noia... A tutto ciò poi si aggiunga la colonna sonora che è a cura di Sergio Pizzorno, quello dei Kasabian, che ci ha infilato una serie di canzoni favolose. Non fosse per altro, varrebbe la pena di vederlo anche a occhi chiusi.

Ecco la soundtrack:

The Yardbirds - Heart Full Of Soul
The Rolling Stones - Sray Cat Blues
22-20s - Devil In Me
The Pretty Things - Come See Me
The Electric Banana - Street Girl
The Box Tops - The Letter
The Knickerbockers - One Track Mind
Dominic Murphy - Minstrel Boy
Dominic Murphy - The Green Hills Of Tyrol
Kasabian - The Green Fairy
The Pretty Things - It'll Never Be Me
Bob Dylan - Subterranean Homesick Blues
Annu Malik - Sun O Dilruba Dil Ki Yeh Sada
Kasabian - Club Foot
The YardBirds - Train Kept A-Rollin
Derek & Clive - Celebrity Suicide

 

 

 

 

 

 

 

Commenta il post