Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Giuseppe Catalano

Il weekend nero del cinema. Pare sia questo il tormentone da sala più gettonato della settimana. Causa buontempo, dicono, la gente ha disertato il cinema mandando in malora il lavoro di mesi e mesi per quanto riguarda lo staff promozionale di Boris - il Film, che da tanto, troppo tempo continua a martellarci. Martellare chi? Eh già. Facciamo un po' di conti. Ormai non sei nessuno se non stai su Facebook, e ovviamente Boris c'è massicciamente. Una pagina ufficiale dedicata alla terza serie, peraltro molto criticata e a ragione, con oltre 7mila iscritti. Una pagina generale dedicata alla serie con oltre 23mila iscritti. Una pagina di appassionati con oltre 4mila e 300 iscritti. Tutto questo e molto di più pare confluire nella pagina ufficiale dedicata al film con oltre 48 mila iscritti. Più o meno lo stesso numero del gruppo di protesta contro Amici Miei. Per dire. Per dire che il flop di Amici Miei è stato, anche, frutto dell'azione del gruppo. Il flop di Boris cosa vuol dire allora? Che Facebook funziona solo per protestare? Ipotesi affascinante ma non dimostrabile. Allora vuol dire che il numero di iscritti rappresenta solo una parte, e pure piccola, dell'audience totale? Che peraltro coincide con quanti sono andati a vederlo al cinema? (Circa 60mila). Consideriamo anche che si tratta di un prodotto trasversale, e contemporaneamente di nicchia. Vale a dire che Boris, la serie, è andato in onda per la prima volta su Fox, quindi solo per abbonati Sky. Quando è uscito il digitale terrestre, Boris è andato in onda in replica anche su Cielo. Mai dunque sulle reti generaliste. Per inciso, curiosamente il film è coprodotto da Rai Cinema. Ma, fate anche voi questa piccola prova di sondaggio, quanti l'hanno mai visto in broadcast in tv? E quanti in streaming? O scaricandolo? O semplicemente piccoli brani da Youtube? A proposito di Youtube. La pagina Boris Italia Web ha registrato oltre 4800 visualizzazioni del canale e oltre 78mila visualizzazioni di video. Coi numeri siamo sempre là, mi pare. Non è che Boris sia stato un po' sopravvalutato, nel senso che ha grandissimo successo, quasi maniacale direi, presso una fetta di affezionatissimi, ma sia un oggetto non identificato presso il grande pubblico? Si, ne parlano radio, giornali e tv. Ma che identità c'è tra i passaggi stampa e il successo commerciale? Non è calcolabile. A questo aggiungiamo che il film Nessuno mi può giudicare è stato primo in classifica anche questa settimana, nonostante sia uscito già da un po' e abbia più o meno lo stesso target di Boris, che viene surclassato con circa il triplo degli incassi.
Dunque la gente non è andata al cinema per andare a mare. Ma poi la sera è andata a vedersi il film di Max Bruno anzichè Boris, nel quale lo stesso Max Bruno interpreta Nando Martellone e da cui ha preso molti attori. Boris si rifarà nei prossimi giorni, forse. Forse la programmazione d'uscita e promozionale è stata un po' troppo ottimistica? Tutto questo è molto italiano...

Commenta il post