Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Giuseppe Catalano

Nel 2010 109.074.147 spettatori sono andati al cinema. E' quanto ci dice il rapporto di Audimovie per il 2010. Audimovie è un organo di misurazione delle statistiche sul cinema, simile ad auditel, audiradio, audiweb eccetera eccetera. Curiosità: Audimovie è una società a responsabilità limitata i cui soci paritetici sono UPA - Utenti di Pubblicità Associati, ASSAP SERVIZI SRL - società di consulenza di proprietà di AssoComunicazione, che a sua volta riunisce imprese di comunicazione, UNICOM - Unione Nazionale Imprese di Comunicazione, FCP - Associazione Concessionarie di Pubblicità, ACEC - Associazione Cattolica Esercenti Cinema, ANEC - Associazione Nazionale Esercenti Cinema e ANEM - Associazione Nazionale Esercenti Multisala. Tutti organismi tecnici, poca critica. E' normale che i numeri che escono dal suo rapporto siano numeri commerciali. Dai quali però possiamo curiosamente trarre che:
- in media, ogni giorno quasi 290mila persone vanno al cinema, vengono misurate le statistiche di 1084 cinema, per un totale di 3159 sale. Perciò, riunendo sia i cinema classici che i multisala, in media ogni giorno ogni sala accoglie circa 92 spettatori. Possiamo supporre un prezzo medio di biglietto di 7,5 euro? Allora in media ogni sala guadagna circa 688 euro. Non tantissimo. Se poi ogni cinema in media mangia due polli al giorno, e il mio ne mangia due, il tuo ne mangia zero. Tanto per dire il valore realistico delle statistiche;

- dei 109milioni e rotti di spettatori annuali di cinema, quasi 19 milioni sono il Lombardia, 16 e rotti nel Lazio, quasi 11 in Emilia Romagna, quasi 10 milioni in Toscana e Umbria, conteggiate insieme. Presumibilmente, le regioni in cui sono presenti più Multisala. Ciò significa che le altre regioni, le più sfigate, rimangono 53 milioni di spettatori all'anno, che fanno 145mila al giorno, che fanno un incasso di un milione e 87mila al giorno. In 16 regioni. Non mi pare un gran chè, sinceramente;

- altra cosuccia interessante, sui 1084 cinema rilevati, 570 hanno una sola sala, 194 hanno da 3 a 5 sale, 147 hanno due sale, 117 hanno più di 8 sale e 57 hanno 6 o 7 sale. Di questi, quelli con più di 8 sale, hanno 58milioni di spettatori all'anno, quelli da 3 a 5 sale ne hanno 20 milioni e mezzo, quelli a 6 o 7 sale 12 milioni e mezzo, i monosala oltre 10 milioni e mezzo e quelli con due sale quasi 7 milioni. Se dovete aprirvi un cinema non fate due sale che non conviene;

- nel 2010, 18.243.671 spettatori hanno sofferto di mal di testa a causa della non tanto ben giustificata proiezione di film in 3D. Cioè, a volte ha senso, altre mica tanto! Però ti costringono a mettere quegli occhialetti che è meglio guardare un'eclissi a occhi nudi, poi diventi cieco e hai tagliato il problema alla radice, anzichè trascinarti il mal di testa ogni volta che vai al cinema. Sei diventato cieco? Metti pagina 777 del televideo e non se ne parla più. Poi su come un cieco faccia a mettere la pagina 777 di televideo è un altro discorso;

- il sito di consultazione di audiweb non funziona benissimo. Fortuna che c'è primaonline da cui sono riuscito ad apprendere che: il film più visto del 2010 è “Avatar” (il 77,3% degli spettatori lo ha visto in 3D); il secondo “Benvenuti al Sud” e il terzo “Alice in Wonderland” (il 77,3% in 3D). Il quarto “Harry Potter e i doni della morte”, il quinto “Io, loro e Lara”, il sesto quella cagata di “Eclipse”, settimo “Natale in Sudafrica”, ottavo “La banda dei Babbi Natale”, nono “Shrek e vissero felici e contenti” (il 54,2% in 3D) e decimo un altro cacatone: “Maschi contro femmine”. Ciò significa che i film più brutti sono anche i più visti e che tra questi, almeno, il vincitore è sicuramente il migliore

- i rilevamenti sono scanditi per mesi, abbiamo perciò la possibilità di sapere che, a dicembre 2010, i film più visti sono stati: 1 - Natale in Sudafrica, 2 - La banda dei Babbi Natale, 3 - The tourist. Ovviamente il film di Checco Zalone rimane fuori perchè è uscito a gennaio, ma credo proprio che ce lo ritroveremo tra i primissimi del 2011 a fine anno, sempre se non arriva prima la fine del mondo.

Commenta il post